Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘appendicitis’

L’appendice minaccia di creare casini per l’ennesima volta, e allora niente caffè, niente cioccolato e niente di quel poco altro che, assieme al caffè e al cioccolato, costituisce la mia alimentazione standard. Via col cibo-da-ospedale, dunque, ed è tutto un tripudio di fagiolini lessati, mozzarella e cracker. Yogurt e latte coi cereali quando proprio voglio darmi alla pazza gioia.

Cerco di lavorare lo stesso, maledicendo per due giorni la mancanza di concentrazione, e cerco anche di zittire la vocetta stridula che dentro alla mia testa ripete, in loop, la parola caffeina. Non ottengo alcun risultato soddisfacente: tutto va, inesorabilmente, sempre peggio.

Fatico a fare le scale, è strano, allora penso che magari ho la febbre; difficile a dirsi, non avendo un termometro. Decido, visto lo strazio psico-fisico conseguente a qualsiasi attività da me svolta, che ho la febbre alta, e quindi mi metto a letto. Dormo per un numero di ore non enumerabile sulle dita di due mani, e un po’ me ne vergogno. Opto per il mood malata, che ben si concilia con il cibo-da-ospedale, e aggiungo un’ennesima ora di sonno a quelle già totalizzate. Poi decido che il mood malata non mi si addice, e vado all’aeroporto a dare un benvenuto piuttosto pallido e spettinato ai riminesi. Cerco di comprare un termometro, durante il viaggio, ma la farmacia vicino a casa è chiusa il giovedì e il venerdì santo. Il sabato santo il termometro non mi serve più, comunque la farmacia è aperta. Decido che qualche giorno di riposo può solo farmi bene e progetto un reinserimento programmatico di cioccolato e caffeina nella mia vita, a partire dalla prossima settimana.

Consumo il tasto F5 sulla pagina dell’istituto metereologico danese e mi preparo al peggio, rileggo articoli che non avevo finito e mi pianto sulle stesse identiche cose sulle quali mi ero arenata mesi fa, quando li ho letti per la prima volta. Mi sento un’inguaribile stupida, come ogni volta in cui non capisco qualcosa che dovrei capire.

Dovrei leggere un libro in danese, mi dico che lo farò domani; dovrei anche inventarmi qualcosa per avere al più presto dei risultati: il cilindro è vuoto, ahimè. Mi chiedo se pubblicare o meno su Flickr una mia foto che mi piace molto, ma onestamente non credo che lo farò, e invento slogan per una campagna contro la violenza sulle donne, senza però essere troppo soddisfatta del mio operato.

Con la cioccolata e la caffeina andrà meglio.

Read Full Post »