Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 6 maggio 2008

[]

Fai del tuo meglio, sempre. Fai quello che ritieni sia meglio per te e per eventuali altre persone coinvolte, fai quello che ritieni sia meglio per tutti. E non dimenticare mai che potrebbe sempre saltar fuori qualcuno a cui non avevi pensato, qualcuno che non fa parte di quei tutti per i quali tu stai facendo del tuo meglio, qualcuno per il quale il tuo meglio non è il meglio possibile, anzi.

Non addurre motivazioni, le tue spiegazioni non interessano a nessuno. Soprattutto, non interessano a quel qualcuno inizialmente non preventivato, quel qualcuno che ti sta accusando di aver fatto del tuo meglio in modo non ottimale. Taci, taci e ascolta quella versione riveduta e corretta della realtà a posteriori, e concorda sul fatto che, sì, era la cosa migliore da fare.

Non replicare, no: sarai dalla parte del torto. Sempre, fino a che fare del tuo meglio non sarà sufficiente. E non pensare che le tue lacrime valgano qualcosa, che il tempo che hai passato in quel bagno a piangere valga più del tempo che loro han buttato via, per scrivere una mail. È colpa tua, riconoscilo: non sei stata in grado di fare più del tuo meglio.

Impara la lezione: fai del tuo meglio, sempre. Non il meglio che è meglio per te, o il meglio che ti pare meglio per tutti. No, il meglio che è oggettivamente meglio per tutti. E non solo per loro.

Da te non saranno disposti ad accettare nulla di meno, fattene una ragione.
E poi continua per la tua strada.

i’m the boy with the bubblegun
i’m taking aim
i cannot hit to hurt or cause you pain
if words could kill i’d spell out your name

Tom McRae, the boy with the bubblegun

Read Full Post »