Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 3 marzo 2007

Venerdì sera, ore 20.30 circa.
Villa arpies, via coso* 23, Bologna

Coinquilina1 e coinquilina2 escono per un aperitivo.
Coinquilina3 infligge i suoi decibel al fidanzato e alla bestiaferoce.
AnniKa sta zampettando allegramente sulla tastiera del suo computerino, cliccando e scaricando e copiaincollando perché, stranamente, la sua connessione a criceto sembra tener botta.
Poi, ad un certo punto, AnniKa esce dalla sua camera e, giunta nel corridoio buio, crede di percepire una certa umidità di fondo. C’è una cosa che non la convince affatto, inoltre, ed è il rumore che ha fatto il suo piede destro, calzante una silenziosa ciabatta di spugna, nel toccare il suolo.

Splitch

…splitch?!

Dovete sapere che, come indagini successive hanno poi appurato, coinquilina1, probabilmente inconsciamente devastata dal desiderio di pulire il pavimento degli spazi comuni della casa, ha pensato bene di far partire la lavatrice, prima di uscire, dimenticandosi di reinserire il tubo dello scarico nell’acquaio.
Risultato: villa arpies completamente allagata. Oh yeah.

Proclamato lo stato di calamità naturale e allertata la protezione civile, AnniKa si è armata di tutti gli stracci e di tutta la santa pazienza che è riuscita a reperire in giro, e ha cominciato a raccattare acqua. Ah, no, prima ha fatto numero 3 telefonate:

a coinquilina2, perché in genere coinquilina2 sta a malestro come maggiordomo sta ad assassino, urlandole affogo affogo, e chiedendole spiegazioni. È stata coinquilina1, dice lei. Coinquilina1 in cucina con la lavatrice. 3 su 3: colpevole individuato.

a Nina, perché sta diventando abbastanza improbabile che AnniKa possa arrivare puntuale all’appuntamento alle 22 dal buon Nettuno, dal momento che alle 21 sta ancora a tirar su dell’acqua dal pavimento, e che deve ancora farsi una sana e rilassante doccia per ripulire tutta la sua cinesità.

al tuttologo, per raccontargli del nuovo progetto imprenditoriale: trasformare villa arpies in una risaia.

In divisa da Sampei (jeans arrotolati sotto il ginocchio e infradito ai piedi), canticchiando in fondo al mar in fondo al mar, AnniKa ha occasione di familiarizzare con il pesciolino Nemo e con la sirenetta, entrambi trascinati dalla corrente sul pavimento della cucina, e di capire che no, decisamente la vita da pesce non farebbe per lei.

*come disse l’UdP, una volta.

and they say goldfish
have non memory
i guess their lives are just like mine
and their little plastic castle
is a surprise every time
and it’s hard to say if they’re happy
but they don’t seem much to mind

[E si dice che i pesci rossi
non abbiano memoria
e penso che la loro vita sia proprio come la mia
e il loro piccolo castello di plastica
è una sorpresa ogni volta
difficile dire se siano felici
ma non sembra che gliene importi poi molto]

Ani DiFranco, little plastic castle

Read Full Post »